Assemblea di Dio a Bergamo


Vai ai contenuti

Miss. a Fortaleza


CASA DI ACCOGLIENZA E RECUPERO A FORTALEZA



Questo nostro progetto ha avuto inizio quando in una sera di luglio 2006, proprio quando stava cominciando l’opera a Bergamo, siamo usciti in quattro fratelli per evangelizzare prostitute che si trovavano sulle strade. Avvicinandoci a loro con le macchine esse ci venivano incontro pensando che eravamo dei clienti, ma nel momento in cui ci presentavamo come evangelici, sponendo il nostro desiderio di parlargli dell’amore di Dio per la salvezza dell’uomo, molte di loro se ne andavano senza volerci ascoltare, altre dicevano che stavano disturbando il loro lavoro. Ma c’è stata una ragazza che ci ha commossi dicendoci che avrebbe voluto tanto lasciare quella vita ma non possedeva una casa dove andare e non trovava lavoro. In pratica è stata indotta a entrare in quella vita a causa di vari problemi familiari ed economici (tra i tanti) e ora non riusciva a uscirne da sola e aveva bisogno che qualcuno l’aiutassi. Quella sera siamo tornati a casa pensando a cosa avremmo potuto fare per quella donna.

Lei aveva ragione quando diceva che per uscire da quella vita avrebbe dovuto lasciare le cattive compagnie e l’ambiente della prostituzione nel quale viveva, solo che noi non potevamo accogliere quella persona nella nostra casa per motivi di spazio, per i nostri figli, ecc. Quando si tratta di persone con problemi di prostituzione, droga o disturbi mentali bisogna avere una struttura preparata che consenta la loro recuperazione.

Da quel momento è nato in noi un grande desiderio di aprire una casa d’accoglienza e recupero per persone bisognose, ma le difficoltà economiche e burocratiche erano veramente tante. Attraverso preghiere costanti e in base alle nostre disponibilità economiche, Dio ci ha direzionati ad aprire questo centro di recupero in Brasile, nella città di Fortaleza, poiché i costi erano più bassi e ci permettevano di cominciare l’opera subito. Nonostante ciò crediamo che Dio, nel tempo giusto, ci aprirà ancora una porta qua in Italia per questo progetto.

Quando abbiamo illustrato alla chiesa la nostra intenzione di aprire un centro di recupero la maggioranza dei fratelli hanno concordato, ma non avevamo ancora disponibilità economiche sufficienti per iniziare i lavori. Allora cominciammo a pregare con questo proposito specifico e Dio ci ha benedetto, infatti, alcuni fratelli hanno offertato esclusivamente per iniziare l’opera.
Il nostro progetto consiste nel fornire una struttura idonea per accogliere persone bisognose ed emarginate dalla società, recuperarle e reinserirle nella società con un mestiere, un posto di lavoro e una casa dove abitare, tutto ciò servendo a Dio, che è la cosa più importante. Per questo motivo si dedicherà molto impegno principalmente per l'evangelizzazione di queste persone.

A partire dal 2013 abbiamo trovato l'appoggio del "
Progetto Batista Nova Jerusalem" che sta già svolgendo nella casa il lavoro di recupero spirituale di varie persone provenienti da situazioni di degrado e difficoltà. Sotto potete vedere un breve video del progetto.


Torna ai contenuti | Torna al menu